Giudicare chi si frequenta o il proprio partner è come darsi la zappa sui piedi da soli, è come dire al mondo: Guarda come sono stolta, mi associo a chi non amo! Non siamo obbligati a frequentare nessuno e la maldicenza verso gli assenti è davvero indice di scarsa responsabilità. Inoltre, se stai con chi ti controlla o ti svaluta o a cui devi chiedere il permesso per organizzare la tua vita, e al contempo lo giudichi pesantemente, è perché non ti stimi abbastanza e hai un vuoto da colmare a tutti i costi, sennò staresti dove tutto è semplice, fluido, libero e rispettoso. Nel vero amore nessuno chiede il permesso. AJS